lunedì 26 novembre 2012

"La vita è fondamentalmente bella"

"La vita è fondamentalmente bella": così soleva dire don Piero Borelli, il nostro padre spirituale. Un gruppo di persone amiche del presbitero fossanese ha organizzato per la giornata dell'otto dicembre 2012 un incontro che si svolgerà a Vercelli - città in cui il nostro amico ha perso la vita il 31 dicembre 2011 - presso la parrocchia del Sacro Cuore (corso Randaccio 18) dove, alle 17:00, avrà luogo la messa in memoriam. Alle 18:30 seguirà il concerto del Coro Barbarossa di Lodi. Bethel, insieme ad esponenti del gruppo separat* e divorziat* e di quello latinoamericano cattolico che don Piero aveva creato a Genova, parteciperà all'evento.

venerdì 23 novembre 2012

Il rosa è il colore più bello del mondo

Link di pubblicazione

Ti chiamavi Davide, ma i tuoi compagni ti chiamavano «il ragazzo dai pantaloni rosa» e, da un anno, pubblicavano foto e commenti contro di te: ti prendevano in giro per il tuo look eccentrico, ti schernivano con risatine e commenti pesanti, ti disprezzavano per la tua omosessualità.

giovedì 8 novembre 2012

Un pensiero ispirante

Colui che mi vede ovunque e vede ogni cosa in me, Io non lo perderò mai di vista, né egli perderà mai di vista Me
(Bhagavad Gita, versetto VI, 30)

venerdì 2 novembre 2012

«Citizen gay»: quando sposarsi è una questione di cittadinanza

Link di pubblicazione

Di Vittorio Lingiardi
Autore di “Citizen gay” (Il Saggiatore)
Citizen gay. Il titolo di questo libro accosta cittadinanza e omosessualità. Abbinamento teoricamente paradossale: dovrebbe importare qualcosa, allo Stato, dell’orientamento sessuale dei suoi cittadini? No. I cittadini dovrebbero essere tutti uguali e, in questa uguaglianza, sostanzialmente anonimi.
In pratica, invece, c’è un cittadino che è meno uguale degli altri perché, se vuole, non può sposarsi. Come gli altri, il cittadino gay contribuisce alla cosa pubblica, per esempio paga le tasse, ma è discriminato in una dimensione essenziale della sua vita: quella affettiva. Nonostante la richiesta sempre più ferma di molti, omosessuali e non, il Parlamento italiano non riesce a varare una legge che permetta a persone dello stesso sesso di godere dei vantaggi giuridici, sociali e psicologici del matrimonio.